arrow--linkarrow-calendar--leftarrow-calendar--rightattachmentcalendar-eventclock--outlineclockclose_modal_windowcloud_uploaddeadlinedownloademail--shareemailfacebookfaxgoogle-plus--framegoogle-plusinstagramlink--externallinklocationlogo-confcommercio--fidilogo-confcommercio--venezialogo-confcommerciomarker--offmarkerphonepinterestsearch--whitesearchteacherstwitterverifiedyoutube
per chi vuole beneficiare di formazione finanziata

per chi vuole beneficiare di formazione finanziata

COS’È LA FORMAZIONE FINANZIATA?
E’ un’opportunità per l'azienda che investe nell’aggiornamento e nel consolidamento delle competenze dei propri dipendenti
La formazione finanziata permette alle aziende di sviluppare e consolidare le competenze dei propri collaboratori grazie ai finanziamenti messi a disposizione dai Fondi Paritetici Interprofessionali e dai Fondi Strutturali (provinciali, regionali, Fondo Sociale Europeo, etc.).
La caratteristica di questa tipologia di formazione è che viene finanziata (come dice la parola stessa).

Cosa sono i Fondi Professionali?
I Fondi esistenti sono numerosi. Ve ne sono disponibili per ciascuno dei settori economici dell´industria, dell´agricoltura, del terziario e dell´artigianato.
Si tratta di Fondi Pubblici e Fondi Paritetici Interprofessionali ai quali ogni impresa può decidere di aderire. L’adesione ai Fondi è gratuita.
IL FONDO INTERPROFESSIONALE DI CONFCOMMERCIO È FOR.TE
For.te è il Fondo paritetico per la formazione continua dei dipendenti delle imprese che operano nel Terziario: Commercio, Turismo, Servizi, Logistica, Spedizioni, Trasporti promosso da CONFCOMMERCIO, CONFETRA e CGIL, CISL, UIL.
Come funziona For.Te?
For.Te, come tutti i fondi interprofessionali, non organizza e gestisce direttamente corsi e percorsi di formazione, ma valuta, approva e finanzia progetti e programmi di formazione per i lavoratori promossi dalle imprese aderenti (CONFCOMMERCIO VENEZIA)
Per realizzare la sua mission, For.Te:
- promuove la cultura della formazione, nel contesto nazionale e comunitario;
- finanzia piani formativi aziendali, territoriali e settoriali, compresi quelli in materia di igiene e sicurezza sui luoghi di lavoro concordati tra le parti sociali;
- agevola la qualificazione e/o riqualificazione dei lavoratori.
Il Fondo viene alimentato attraverso l’accantonamento di una percentuale del lordo delle buste paga dei dipendenti dell’impresa che aderisce.
La percentuale del lordo delle buste paga che viene prelevata dal Fondo, infatti, non è altro che il cosiddetto “contributo obbligatorio per la disoccupazione involontaria” che l’azienda è tenuta comunque a versare all’INPS. E’ dal 2003 (anno in cui sono stati istituiti i primi Fondi Paritetici Interprofessionali in applicazione di quanto previsto dalla L. n.388 del 2000) che viene data la possibilità alle imprese di destinare questa quota (pari allo 0,30% dei contributi versati all’INPS) alla formazione dei propri dipendenti.
L’INPS quindi trasferisce il contributo al Fondo prescelto, che finanzierà le attività formative per i dipendenti delle impresa aderente.
Aderendo a For.Te, invece, ogni azienda diventa protagonista della propria formazione e può partecipare direttamente alle scelte e alla gestione dei progetti e delle attività.
Ter-Servizi affianca le aziende clienti durante tutto il processo relativo ai finanziamenti per la formazione, dalla presentazione della domanda fino alla rendicontazione, per progetti formativi di ogni dimensione.
Come si aderisce al Fondo For.te?
Le modalità di adesione dell’impresa ai Fondi Paritetici Interprofessionali sono specificate nella Circolare dell’INPS n. 71 del 2 aprile 2003. L’adesione è volontaria.
L’adesione va comunicata all’INPS attraverso il Modello di denuncia contributiva DM10/2I. Nel Modello va indicato il Fondo prescelto con il relativo codice(FITE) oltre che il numero dei dipendenti per cui l´impresa versa il “contributo obbligatorio per la disoccupazione involontaria”.
Il Modello DM10/2I va utilizzato anche per l’eventuale revoca dell´adesione.

I nostri servizi:
Informazione (monitoraggio delle principali opportunità disponibili)
Analisi di fattibilità del progetto formativo
Predisposizione della domanda di contributo
Assistenza alla gestione delle attività in itinere
Erogazione della formazione
Assistenza alla rendicontazione delle spese

Cosa sono i Fondi strutturali, e in particolar modo il Fondo Sociale Europeo?
Il Fondo Sociale Europeo è uno dei più importanti strumenti finanziati dell’Unione Europea volto a sostenere la strategia europea per l'occupazione per prevenire e combattere la disoccupazione ed investire nelle risorse umane, promuovendo un alto livello di occupazione e di integrazione sociale.
Ter-Servizi Confcommercio Venezia, espressione formativa di Confcommercio imprese per l’Italia provinciale di Venezia promuove dei percorsi formativi completamente finanziati e rivolti alle piccole e medie imprese.
Le aziende hanno la possibilità di partecipare ad uno o più progetti, aderendo in partenariato alle iniziative proposte.
Come aderire al Fondo Sociale Europeo?
La cosa è molto semplice.
I documenti da presentare sono la richiesta di partenariato, la dichiarazione "de minimis" (il contributo infatti rientra tra gli aiuti di Stato) e la compilazione delle schede partecipanti e dei dati anagrafici dell'azienda.
La Regione Veneto per l’anno corrente ha pubblicato i seguenti bandi FSE, che finanziano la formazione aziendale e interaziendale e che offrono numerosi incentivi alle aziende venete:
DGR nr. 37 del 19 gennaio 2016 “Aziende in rete nella formazione continua - Strumenti per la competitività delle imprese venete”


DGR 255 del 08/03/2016 “Lo sviluppo delle competenze nel settore turistico
DGR 254 del 08/03/2016 “Pari opportunità nel lavoro che cambia – Investiamo nell’occupazione femminile
DGR 948 del 22/06/2016 “RESPONSABILMENTE: Promuovere l’innovazione sociale e trasmettere l’etica – Percorsi di R.S.I.”

Puoi verificare la disponibilità di finanziamento nei progetti in fase di svolgimento ed accedere con semplicità alle opportunità del Fondo Sociale europeo.


 

Top